bannersolidale

L’Associazione Russia Emilia-Romagna e AASIB a sostegno dei bambini del Donbass

Venerdì 3 febbraio il Vicepresidente dell’Associazione culturale Russia Emilia Romagna, dr. Pietro Di Febo, ha ricevuto, presso la sede di Via Amendola 12 a Bologna, i referenti dell’Associazione italiana “Aiutateci a Salvare i Bambini”, attiva dal 2001 in favore dei bambini di Russia e dei paesi ad alta presenza di popolazioni russofone.
Insieme ai membri dell’Associazione era presente Anna Tuv, una ragazza proveniente dal Donbass, che il 26 maggio 2015 a Gorlovka perdeva a causa della guerra il marito, la figlia, la casa nella quale viveva e un braccio.

Ennio Bordato 005

L’Associazione AASIB aveva subito intrapreso una raccolta fondi per dare ad Anna Tuv una speranza di vita a lei ed ai suoi due bambini in tenera età, 3 anni e 15 mesi, rimasti vivi: una protesi di ultima generazione.
I donatori italiani rispondevano prontamente all’appello e in poche settimane la somma necessaria (oltre 25mila euro) veniva raccolta ma l’aiuto concreto si scontrava poi con alcune difficoltà burocratiche.
Grazie all’Ambasciata della Federazione Russa di Roma e al Ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa, che si sono presi a cuore le sorti di Anna, è stato possibile in tempi strettissimi concedere lo status di rifugiato e con questo, ai sensi delle convenzioni internazionali, ottenere il visto per cure mediche dal Consolato italiano di Mosca.

Ennio Bordato 006

Il 15 gennaio 2016 Anna Tuv è arrivata in Italia con la famiglia e ha iniziato le procedure, molto complesse, per ricevere dal Centro protesi Inail di Bologna una protesi mioelettrica di ultima generazione. I molti problemi tecnici, legati alla situazione post trauma di Anna Tuv sono stati superati e fra qualche giorno, finalmente, Anna potrà riabbracciare i propri bambini con entrambe le braccia.

bordato1

L’Associazione culturale Russia Emilia Romagna, nella persona del Vicepresidente Di Febo, ha così ringraziato il dr. Ennio Bordato, Presidente di AASIB, per l’azione umanitaria condotta a favore delle persone più deboli e ha auspicato che la collaborazione tra le due associazioni continui anche in futuro.