pianetasalute

Istituti alberghieri e turistici: una risorsa per il futuro | Il flusso turistico dalla Federazione russa

da: Istituti alberghieri e turistici:
una risorsa per il futuro
Il modello-Istituto Magnaghi di Salsomaggiore Terme

di Massimo Radaelli, Direttore Scientifico di Pianeta Salute

Il turismo russo è in crescita, nonostante la crisi dell’ultimo biennio legata all’andamento del rublo e alle sanzioni imposte da una politica internazionale discutibile e attualmente in evidente fase di revisione: il numero di turisti russi che si reca in Italia riguarda circa un milione di persone all’anno e resta nelle prime posizioni assolute per indotto (1,5 miliardi di euro annui) e “scontrino medio” (683 euro al giorno), con una costante crescita di turisti individuali (oltre la metà) che scelgono in genere mete al di fuori dei tradizionali circuiti delle città d’arte. Il turismo russo è particolarmente colto, conosce ed ama il nostro Paese ed è aperto a conoscere territori nuovi e diversi, con servizi di qualità e prezzi adeguati: il Gemellaggio del 2009 fra Salsomaggiore Terme e Yalta, la “perla del Mar Nero” (al tempo appartenente all’Ucraina, oggi terra russa dopo un referendum plebiscitario) potrebbe innescare un meccanismo virtuoso in tal senso, aprendo all’intero circuito termale italiano, il più importante d’Europa, un flusso generatore di ulteriori sviluppi culturali ed economici. Il numero di turisti individuali, come si è detto sopra, è in costante crescita, anche facendo leva sul portale “La Tua Italia” (www.latuaitalia.ru), primo sito ufficiale bilingue, in russo e in italiano, voluto dalla nostra Ambasciata, dedicato al turismo nel Bel Paese, presentato a Mosca lo scorso dicembre. La piattaforma fornisce notizie su Regioni, Città, destinazioni turistiche, patrimonio artistico ed enogastronomico, sul “Made in Italy” e sul calendario dei grandi eventi italiani (stagioni liriche e teatrali, festival musicali, eventi sportivi, mostre d’arte). Nel sito sono presenti più di cinquecento articoli, con servizi “ad hoc” per il turista russo, come la la richiesta di visto on line. Nella sezione “Russian Friendly” è presente un database di centinaia di strutture alberghiere italiane, con servizi dedicati ai turisti russi, soddisfacendo l’esigenza dei maggiori Tour Operator della Federazione che indicavano in carenze strutturali d’accoglienza uno dei limiti dell’offerta turistica italiana. Il Turismo russo è potenzialmente generatore di grandi sviluppi strategici: la Federazione è il principale fornitore mondiale di prodotti energetici, con un settore primario relativamente poco sviluppato, mentre l’Italia non dispone di materie prime ma si caratterizza per un importante settore agro-alimentare e manufatturiero. Siamo con ogni evidenza di fronte ad una grande complementarietà fra sistemi produttivi che rende Federazione russa e Italia “naturali” partner commerciali ed economici, con grande potenzialità di sviluppo di joint ventures e collaborazioni varie per imprese italiane in numerosi settori. Paradossalmente anche le limitazioni al commercio di beni alimentari, volute dal Governo russo in risposta alle sanzioni europee, possono rappresentare un grande incentivo per lo sviluppo del settore agroalimentare della Federazione, che necessita di modelli organizzativi e di sviluppo che il nostro Paese può offrire. Il pubblico russo guarda comunque con grande interesse i prodotti italiani, essendo il “Made in Italy” sinonimo di qualita’, nelle tradizionali “tre A” (“Abbigliamento, Alimentare, Arredamento”) e nei beni strumentali e per l’industria (macchinari e meccanica). Si è più volte scritto di un “capitale di simpatia” da parte russa verso l’Italia, legato alla grande tradizione culturale dei due Paesi e alla vicinanza geografica, che puo’ costituire vantaggio competitivo in termini di cooperazione: di questo il settore turistico italiano deve tenere debito conto, anche con il superamento della “barriera linguistica” rappresentata dal cirillico, come illuminate Scuole di formazione stanno portando avanti: l’esempio viene dalla più importante Città termale europea, Salsomaggiore Terme, sede di uno dei più prestigiosi Istituti alberghieri italiani.

L’articolo intero in formato pdf.
Articolo